La Strada delle Avventure

Ma c’è una cosa che mi è piaciuta ancora di più. Questa Ford a 4 cilindri ha dovuto circolare, in mancanza di pista, sul tracciato di una ferrovia: ma su questo tracciato un piolo di ferro, solidamente piantato al suolo, fa ostacolo alla marcia della macchina, e molte ore di lavoro sono necessarie per toglierlo.
Ebbene, una volta superato questo punto, l’equipaggio, ad onta della sua estrema spossatezza, malgrado la tappa ancor lunga da superare in una giornata già molto avanzata, ha ricollocato correttamente il piolo al suo posto.
Molti potranno pensare che si tratti solo di un dettaglio. Per me è una cosa magnifica, perché attesta una formazione, uno spirito: perché è un gesto molto scout.
[Dall’introduzione del generale Lafont, Capo Scout di Francia]

Cover Strada delle Avventure
Anno 2013
Pagine 320
Formato 11,5 x 16,5
Rilegatura Brossura
Tiratura 600 copie

Guy de Larigaudie, La Strada delle Avventure – Parigi-Saigon in automobile

Guillaume Boulle de Larigaudie, conosciuto col nome abbreviato di Guy de Larigaudie (Parigi, 18 gennaio 1908 – Mousson, 11 maggio 1940), è stato uno scrittore francese. Noto per le sue imprese avventurose, è conosciuto tra gli scout di tutto il mondo come "il rover leggendario", ed è ancora oggi un esempio di rettitudine e di forza morale. [Fonte: wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Guy_de_Larigaudie].

Il volume racconta l’epopea di due Rover francesi, Roger e Guy, che sono partiti in automobile nel l’estate 1937 Parigi ed hanno raggiunto Saigon, in Indocina, l’attuale Viet-Nam.
Il testo è un autentico romanzo di avventura… ma non è un romanzo perché si tratta di una storia vera! Le mille peripezie superate per raggiungere la meta sono raccontate con efficacia e grande ironia, e ci raccontano di luoghi, popoli e culture esotici, e forse scomparsi per sempre. Un libro da leggere d’un fiato, arricchito delle cartine geografiche e dei disegni di Pierre Joubert, autentici capolavori.
Con questo libro Guy De Larigaudie si impose al mondo come un autentico Esploratore. Un suo grande ammiratore, lo scrittore francese Dominique La Pierre (20 milioni di copie vendute nel mondo), scrive «Larigaudie e Drapier divennero i miei maestri, e la loro mitica Ford la vettura dei sogni di libertà e infinito, che bruciavano inconsciamente dentro me. Il loro straordinario itinerario mi aveva indicato il sentiero…».

Traduzione inedita e nota biografica a cura di Mario Sica, disegni originali di Pierre Joubert.

Il libro è esaurito.

…Hai letto il libro? Lascia un tuo commento!

Leave a Reply